DCD Studi Estetici
Apri menu Apri menu Menu
Il magazine

Dolci tentazioni: quella irrefrenabile voglia di dolce

Dolci tentazioni: quella irrefrenabile voglia di dolce
17 Marzo 2022
Redazione DCD

Ti capita di alzarti di notte con un’irrefrenabile voglia di dolci? Non sottovalutare il problema, potresti sviluppare una vera e propria dipendenza. 

Chi di noi non ha mai desiderato un bel dolce?
I dolci nelle loro varietà accompagnano da sempre i momenti lieti della vita: non c’è cerimonia o ricorrenza senza il suo dolce finale. Se pensiamo che fin dall’infanzia i dolci assumono il valore di premio e ricompensa, sembra impossibile pensare ad una vita priva dei dolci.


Il loro buon sapore, dovuto al connubio di zuccheri e grassi, esalta le papille gustative e rallegra gli animi. Pertanto, amare i dolci, esserne golosi, potrebbe non essere un problema ma un innocuo piacere.


Quando i dolci diventano una dipendenza

Però, delle volte, la voglia di dolci può sopraffare fino a diventare una vera e propria dipendenza che si manifesta quando subentrano i seguenti fattori: frequenza, quantità, compulsività. 

Spesso accade che si inizia una dieta con buone intenzioni e si riesce a seguire lo schema alimentare con successo. Ma altrettanto spesso accade che in certi momenti, soprattutto dopo cena o addirittura di notte, esploda una irrefrenabile voglia di dolce.


A quel punto ci si muove verso il frigo, a volte come in trance, obbiettivo la fetta al latte dei ragazzi, o verso i cassetti della credenza a far man bassa di biscotti e cioccolatini destinati ad amici e parenti. Desiderio e volontà di controllo si confondono, si combattono, ed è sempre il primo ad avere la meglio.

Le mani vanno più veloci del pensiero e scartano frenetiche la tavoletta del cioccolato preferito”, così mi racconta una cliente e aggiunge: “non riesco a fermarmi… ho bisogno di scaricare la tensione, calmarmi, coccolarmi.” Queste parole ci guidano verso una comprensione del fenomeno che va oltre il bisogno fisiologico di mangiare, oltre la fame, oltre il puro piacere del palato.


Cosa accade al nostro corpo quando assumiamo dolci

Per le neuroscienze quando si mangiano dolci o cibi contenenti zuccheri, il cervello attiva una sorta di sistema di ricompensa chiamato sistema mesolimbico della dopamina, la stessa sostanza che viene rilasciata dai neuroni quando siamo felici, soddisfatti, appagati. Quindi, se si vorrà mantenere questo stato di grazia si dovrà ripetere l’assunzione con una certa frequenza. Da ciò se ne deduce che i dolci sono la riproduzione “chimica” del piacere e del benessere che non si riesce ad ottenere per altre vie, una sorta di cibo dall’effetto medicale, facile da reperire ed auto prescrivibile.

Lo zucchero, inoltre, essendo presente nel latte materno e nel latte in polvere, può evocare l’abbraccio in cui erano avvolti i nostri corpi da cuccioli e quel senso di pienezza e sazietà irripetibili. Oppure, al contrario, quel sapore rimanda a un contatto emotivo forse insufficiente nell’infanzia, di cui rimaniamo affamati e che continuiamo a farci mancare da adulti.


Quell’ irrefrenabile voglia di dolce è come un diavoletto malefico che ci dice: “fallo, fallo, mangia i biscotti” e fa saltare una giornata di dieta quasi perfetta. Ogni biscotto mangiato può essere una parola non detta, un bisogno non espresso, un dolore non elaborato, la panacea ad un’emozione che esplode nella notte e alla quale non si sa dare un nome.


Le testimonianze

Ho chiesto ad una cliente di dirmi se quel cornetto mangiato con un po’ di senso di colpa fosse stato un gesto o una frase, che gesto e che frase sarebbero stati e lei mi ha risposto: “Il gesto un abbraccio, la frase sei stata brava”.


Ma i dolci nel loro significato psicologico possono essere anche la carica a una vitalità spenta, il sostituto di un gesto creativo, o della  realizzazione di se stessi come persona.

Tante possono essere le chiavi di lettura per questo particolare rapporto con i dolci, ma ognuno ha il suo personale intimo significato. Sarebbe utile comprendere cosa nasconde quel gesto impulsivo, cosa sostituisce, cosa vi manca veramente, e cogliere l’emozione che vi spinge a fagocitare dolci senza gustarli, senza piacere e con senso di colpa.


Il ruolo di DCD

Spesso da soli risulta difficile analizzare il perché di determinati comportamenti. Nonostante ci si metta la buona volontà per seguire un regime alimentare sano, si fallisce. Una psicologa del comportamento alimentare può aiutare ad aprire un dialogo tra la parte impulsiva e la parte razionale, ad accogliere le vostre emozioni senza giudicarle e ad attivare altri canali di piacere e soddisfazione.

dott.ssa Marzia Vercillo, psicologa Psicoterapeuta – Consulente DCD

Condividi l'articolo
Potrebbe interessarti anche
La sindrome dello Yo-Yo: tra caos e perfezione
La sindrome dello Yo-Yo: tra caos e perfezione

Se siete tra quelle persone che nel corso della vita hanno fatto innumerevoli diete alternando rigida disciplina, perdita…

Leggi tutto
Un nuovo corpo per l’estate: come mantenerlo?
Un nuovo corpo per l’estate: come mantenerlo?

I suggerimenti della psicologa. Molte sono le persone che non trovano nessuna difficoltà a seguire una dieta una…

Leggi tutto
Ipercolesterolemia: le origini, le conseguenze e la prevenzione
Ipercolesterolemia: le origini, le conseguenze e la prevenzione

Per ipercolesterolemia si intende una eccessiva concentrazione di colesterolo nel sangue. Quando la concentrazione del colesterolo supera i…

Leggi tutto
Adiposità localizzata: cos’è, cause e rimedi
Adiposità localizzata: cos’è, cause e rimedi

Per adiposità localizzata si intende la presenza di un tessuto ricco di cellule adipose (le cellule del grasso)…

Leggi tutto
Il potere delle vitamine: dove trovarle e quali i benefici
Il potere delle vitamine: dove trovarle e quali i benefici

Le vitamine sono sostanze organiche necessarie in piccola quantità per il normale funzionamento dell’organismo. Questi composti devono essere…

Leggi tutto
I benefici dell’olio di oliva e il suo ruolo preventivo nello sviluppo di malattie
I benefici dell’olio di oliva e il suo ruolo preventivo nello sviluppo di malattie

L’olio di oliva si ottiene dai frutti dell’Olea Europaea, comunemente detta ulivo, e la sua peculiare composizione gli…

Leggi tutto
Hai bisogno di informazioni o vuoi prendere un appuntamento? Hai bisogno di informazioni o vuoi prendere un appuntamento? Contattaci
Iscriviti alla nostra newsletter! Iscriviti alla nostra newsletter!
Contattaci