DCD Studi Estetici
Apri menu Apri menu Menu
Il magazine

Ipertensione arteriosa: cosa devi sapere e come combatterla

Ipertensione arteriosa: cosa devi sapere e come combatterla
28 Marzo 2022
Redazione DCD

L’ipertensione arteriosa è una delle patologie più diffuse. Cosa devi mangiare e come DCD può aiutarti a combatterla.

L’ipertensione arteriosa è una delle patologie più diffuse nei paesi industrializzati e rappresenta uno dei problemi clinici attuali e più ricorrenti nelle persone adulte di entrambi i sessi. Conoscere questa patologia, sapere le cause e gli effetti è il primo passo per tenerla monitorata e prevenire i danni che essa può provocare.

L’ipertensione arteriosa è uno stato costante e persistente in cui la pressione arteriosa a riposo risulta più alta rispetto ai parametri definiti normali; le sue complicanze possono essere severe e talvolta mortali. Il trattamento dell’ipertensione è di natura principalmente dietetica e poi farmacologica.

Definizione

La natura dell’ipertensione arteriosa è una condizione caratterizzata dall’elevata pressione del sangue nelle arterie. Più precisamente è la forza che il sangue esercita contro le pareti dei vasi sanguigni a seguito dell’azione di pompa svolta dal cuore.

Misurata in millimetri di mercurio con un paziente in stato di riposo, è solitamente definita attraverso i valori di pressione sistolica (o massima) e pressione diastolica (o minima). Secondo lo standard scientifico la pressione ottimale a riposo è pari a 120/80mm/hg ma se superiamo costantemente valori pari a valori di 140/90 potremo definirci persone ipertese. Le cause sono numerose e possono essere di natura genetica, alimentare, legate all’invecchiamento, al sovrappeso, alla sedentarietà, agli squilibri ormonali, alla menopausa, a predisposizioni familiari.

Lo stile di vita: la principale causa

Sicuramente una delle cause più diffuse che comportano lo sviluppo della ipertensione arteriosa parte dalla tavola. Una scorretta alimentazione unita ad un uso spropositato del sale da cucina, consumo di alimenti preconfezionati, insaccati o troppo elaborati comporta uno sviluppo della patologia. 

Ma esistono anche altri fattori che possono determinare l’ipertensione arteriosa, come: la carenza di vitamina D, il consumo di alcool, l’obesità, la mancanza di movimento, e soprattutto il fumo. Il fumo da sigaretta, in quanto potente vasocostrittore, favorisce la formazione di placche ateromasiche all’interno delle arterie. La vasocostrizione riduce il flusso sanguigno aumentando le resistenze periferiche, imponendo al cuore di esercitare un’azione di pompa maggiore.

Uno stile di vita sano e una corretta alimentazione sono gli alleati per monitorare la patologia. Ma soprattutto fondamentale risulta educare i giovani fin dalla tenera età. La prevenzione primaria dell’ipertensione comincia in età giovanile avviando i soggetti alla pratica sportiva e controllando le abitudini alimentari apportando alimenti ricchi di fibre (frutta e verdura), cereali integrali, ridotti consumi di sale da cucina – non superando mai i 5- 6 grammi/die (grammi al giorno). 

Un’altra causa sicuramente scatenante è lo stress dovuto a collera trattenuta, grandi arrabbiature, intense emozioni, responsabilità o impegni eccessivi. Infatti, quando lo stress risulta molto elevato, soprattutto se psichico può comportare uno sviluppo dell’ipertensione arteriosa.  

Altre cause non gestibili sono legate all’età avanzata. Questa condizione, non controllabile, dunque accettabile in quanto fisiologica, è frutto di fattori diversi legati all’invecchiamento.

Complicanze dell’ipertensione arteriosa

Un aspetto dell’ipertensione arteriosa sicuramente interessante è che le complicanze derivanti dalla sua mancata cura non sono immediate, ma insorgono dopo qualche anno dalla sua comparsa con una severità strettamente correlata all’entità dell’eccesso pressorio. Ad esempio, i danni della pressione alta non trattata a carico del sistema cardiocircolatorio e del compartimento cerebrale insorgono rispettivamente dopo circa 10 e 20 anni dall’inizio dello stato ipertensivo.

Come si cura l’ipertensione arteriosa?

Approccio farmacologico

Se le modifiche allo stile di vita non sono sufficienti a ridurre il carico ipertensivo (riduzione dell’apporto di sale, praticare regolare attività fisica, abolizione del fumo di sigaretta, limitazione del consumo di alcol, riduzione del peso corporeo), si ricorre all’uso di farmaci. 

Le classi farmacologiche attualmente utilizzate sono:

  • Diuretici
  • Beta bloccanti
  • Calcio antagonisti
  • ACE inibitore
  • Antagonisti dell’angiotensina II

Differenti tra loro per il meccanismo con cui riducono la pressione arteriosa, i sopraccitati farmaci presentano un tempo di risposta terapeutica ottimale che varia dalle 2 alle  6  settimane di trattamento.

La DCD ti aiuta in caso di ipertensione arteriosa

I trattamenti eseguiti alla DCD sono rivolti a coloro che hanno problematiche di sovrappeso che sappiamo essere strettamente correlati ad eventuali problematiche cardiache più o meno severe. L’approccio rivolto al paziente iperteso  si traduce  principalmente con un regime alimentare  adeguato  con un apporto controllato di cloruro di sodio consistente in:

  • sale da cucina (massimo 4 grammi/die (grammi al giorno) e preferibilmente sale rosa dell’Himalaya);
  • escludendo dal regime dietetico insaccati di qualsiasi genere;
  • escluso il tonno sia in scatola sia in vetro;
  • abolizione di dadi da brodo o glutammato;
  • proponendo un regime CADN ove vengono esclusi a priori determinati alimenti;
  • no a vegetali conservati (inclusa la salamoia);
  • Acqua oligominerale 2.5 litri/die;
  • Crackers tassativamente integrali Misura

Condividi l'articolo
Potrebbe interessarti anche
La sindrome dello Yo-Yo: tra caos e perfezione
La sindrome dello Yo-Yo: tra caos e perfezione

Se siete tra quelle persone che nel corso della vita hanno fatto innumerevoli diete alternando rigida disciplina, perdita…

Leggi tutto
Un nuovo corpo per l’estate: come mantenerlo?
Un nuovo corpo per l’estate: come mantenerlo?

I suggerimenti della psicologa. Molte sono le persone che non trovano nessuna difficoltà a seguire una dieta una…

Leggi tutto
Ipercolesterolemia: le origini, le conseguenze e la prevenzione
Ipercolesterolemia: le origini, le conseguenze e la prevenzione

Per ipercolesterolemia si intende una eccessiva concentrazione di colesterolo nel sangue. Quando la concentrazione del colesterolo supera i…

Leggi tutto
Adiposità localizzata: cos’è, cause e rimedi
Adiposità localizzata: cos’è, cause e rimedi

Per adiposità localizzata si intende la presenza di un tessuto ricco di cellule adipose (le cellule del grasso)…

Leggi tutto
Il potere delle vitamine: dove trovarle e quali i benefici
Il potere delle vitamine: dove trovarle e quali i benefici

Le vitamine sono sostanze organiche necessarie in piccola quantità per il normale funzionamento dell’organismo. Questi composti devono essere…

Leggi tutto
I benefici dell’olio di oliva e il suo ruolo preventivo nello sviluppo di malattie
I benefici dell’olio di oliva e il suo ruolo preventivo nello sviluppo di malattie

L’olio di oliva si ottiene dai frutti dell’Olea Europaea, comunemente detta ulivo, e la sua peculiare composizione gli…

Leggi tutto
Hai bisogno di informazioni o vuoi prendere un appuntamento? Hai bisogno di informazioni o vuoi prendere un appuntamento? Contattaci
Iscriviti alla nostra newsletter! Iscriviti alla nostra newsletter!
Contattaci